Progetto MOST

L’ISPPREF di Caserta sta partecipando, insieme ad altri partners, al progetto MOST, Motivation to Study, progetto che mira a supportare i didatti nella motivazione allo studio degli alunni limitando il più possibile la dispersione scolastica. 
In particolare l’Istituto sta contribuendo allo studio ed allo sviluppo di una appropriata metodologia, di tecniche e tools  nell’ambito delle competenze psicologiche. Interventi, consultazioni e terapie  sia individuali che collettive, in prospettiva relazionale, sono in atto, attraverso l’integrazione con differenti discipline nell’ambito delle scienze umanistiche.
La partecipazione dell’ ISPPREF al progetto è essenzialmente legata alla diffusione ed all’utilizzo del modello MOST, diffusione che ormai sta per iniziare.
Nel mese di Dicembre 2010, precisamente 1 e 2, ci sarà il primo incontro all’ITC Terra di Lavoro, a Caserta, dove sarà utilizzato il modello definito.
Pertanto seguirà un’altra comunicazione con le date degli incontri volti alla diffusione del modello estrapolato relativo al risultato della ricerca. A tali incontri sarà quindi possibile iscriversi gratuitamente per conoscere il modello proposto. 
Di seguito, a chiarimento del lavoro in atto, l’articolo sul progetto MOST pubblicato sul periodico - PSICOLOGIA CLINICA, PSICOLOGIA OGGI -

Che la scuola viva un periodo di crisi è cronaca dei nostri giorni, ma è altrettanto vero che essa rappresenta uno dei pochi riferimenti per i nostri  ragazzi in un tempo in cui sembrano appannate molte aspettative, tra cui realizzazione personale,  lavoro, conservazione dell’ambiente, partecipazione attiva alla vita pubblica.
Partendo da questa considerazione un team europeo di scuole, università e associazioni professionali, guidato dal Dipartimento di Scienze della Educazione dell’Università degli Studi di Salerno, ha proposto la realizzazione di un progetto comune finalizzato a (ri)motivare allo studio gli alunni nella fascia di età tra i 14 e i 18 anni.
La particolarità del progetto MOST (acronimo di Motivazione allo STudio) è quella di proporre una modalità innovativa per motivare allo studio i ragazzi basata non più sulla ricerca di strategie cognitive, che semplifichino e favoriscano i processi di apprendimento, ma sulla idea di creare, nell’ambiente scolastico diffuso, un clima “pro sociale”.
In altre parole il presupposto di MOST è quello di puntare a rendere l’intera organizzazione scolastica, docenti e non docenti, inclusiva delle diversità culturali rappresentate dagli studenti (in particolare quelli provenienti da fasce dello svantaggio sociale) in modo che tutti si sentano co-protagonisti del dialogo educativo.

Comportarsi in modo pro sociale vuol dire sintonizzarsi sui bisogni degli altri ed essere disponibili alla collaborazione: in tal modo vengono riconosciute, e rinforzate, le identità personali di ciascuno contribuendo a determinare un clima favorevole alla costruzione di percorsi formativi e di apprendimento.
Per determinare questa condizione è necessario un approccio condiviso da insegnanti, contesto scolastico
allargato, famiglie degli alunni; è per questo che il progetto MOST, partendo dalla identificazione delle migliori prassi adottate nei Paesi europei nella motivazione allo studio, propone un percorso di formazione dei docenti in primis, e una successiva azione di coinvolgimento dell’altro personale della scuola e delle famiglie attraverso la istituzione di attività comuni.
Il progetto, iniziato a dicembre del 2009, terminerà a novembre del 2011 e vedrà i Partners di 5 Paesi Europei (Italia, Spagna, Austria, Grecia e Romania) impegnati nel disegnare un modello di formazione/consulenza  per docenti delle scuole secondarie da sperimentare in istituti di istruzione dei Paesi su indicati. Successivamente agli interventi formativi dei docenti, vi sarà un periodo in cui il modello proposto verrà sperimentato nelle scuole attivate dai vari Partners con il coinvolgimento diretto degli alunni, delle famiglie e degli altri attori istituzionali.
Per l’Italia il modello verrà sperimentato con il contributo della Università di Salerno (ente coordinatore
di MOST), della Associazione Nazionale dei Dirigenti Scolastici (sezione provinciale di Salerno), dell’Istituto
Tecnico Commerciale Terra di Lavoro di Caserta e della Associazione ISPPREF  di Caserta in qualità di ente di aggiornamento dei docenti.
Sul sito WEB di MOST verranno resi disponibili i materiali prodotti dal progetto in modo che possano essere
conosciuti e utilizzabili da scuole e organismi di formazione e aggiornamento di docenti che vogliano adottare questo modello.

Comportarsi in modo pro sociale vuol dire sintonizzarsi sui bisogni degli altri ed essere disponibili alla collaborazione: in tal modo vengono riconosciute, e rinforzate, le identità personali di ciascuno contribuendo a determinare un clima favorevole alla costruzione di percorsi formativi e di apprendimento.
Per determinare questa condizione è necessario un approccio condiviso da insegnanti, contesto scolastico allargato, famiglie degli alunni; è per questo che il progetto MOST, partendo dalla identificazione delle migliori prassi adottate nei Paesi europei nella motivazione allo studio, propone un percorso di formazione dei docenti in primis, e una successiva azione di coinvolgimento dell’altro personale della scuola e delle famiglie attraverso la istituzione di attività comuni.
Il progetto, iniziato a dicembre del 2009, terminerà a novembre del 2011 e vedrà i Partners di 5 Paesi Europei (Italia, Spagna, Austria, Grecia e Romania) impegnati nel disegnare un modello di formazione/consulenza  per docenti delle scuole secondarie da sperimentare in istituti di istruzione dei Paesi su indicati. Successivamente agli interventi formativi dei docenti, vi sarà un periodo in cui il modello proposto verrà sperimentato nelle scuole attivate dai vari Partners con il coinvolgimento diretto degli alunni, delle famiglie e degli altri attori istituzionali.
Per l’Italia il modello verrà sperimentato con il contributo della Università di Salerno (ente coordinatore di MOST), della Associazione Nazionale dei Dirigenti Scolastici (sezione provinciale di Salerno), dell’Istituto Tecnico Commerciale Terra di Lavoro di Caserta e della Associazione ISPPREF  di Caserta in qualità di ente di aggiornamento dei docenti.
Sul sito WEB di MOST verranno resi disponibili i materiali prodotti dal progetto in modo che possano essere conosciuti e utilizzabili da scuole e organismi di formazione e aggiornamento di docenti che vogliano adottare questo modello.

 Per ulteriori informazioni visitare anche il sito di MOST

  Torna alla Home